.

Extra . Supercineclub .

In Programma dal:16/09/2019 al: 16/12/2019

Supercineclub – quinta stagione

Info:

Lunedì 16 settembre parte la quinta stagione del Supercineclub del Rouge et Noir, l’appuntamento del lunedì a Palermo con i film di una mitica stagione, proposti in lingua originale con sottotitoli in italiano.
Ad inaugurare questa edizione Le Iene di Quentin Tarantino, prima pellicola del regista americano, proprio alla vigilia dell’uscita del suo ultimo film C’era una volta… a Hollywood (martedì 17 settembre in anteprima al Rouge et Noir).

Questo il cartellone della prima tranche che si concluderà il 16 dicembre:

16 SETTEMBRE: LE IENE (Reservoir Dogs, 1992) di Quentin Tarantino con Harvey Keitel, Tim Roth. L’esordio, e subito roboante, del regista americano forse oggi più amato. Il film che ha inventato uno stile da più parti imitato ma irraggiungibile. Le tensioni all’interno di una banda di rapinatori dopo un colpo andato a vuoto in un racconto mozzafiato e interpretato superbamente. Una rilettura indispensabile alla vigilia dell’uscita al Rouge et Noir dell’ultimo attesissimo Tarantino: C’era una volta… a Hollywood.

23 SETTEMBRE: LA DONNA CHE VISSE DUE VOLTE (Vertigo, 1958) di Alfred Hitchcock con James Stewart, Kim Novak. Un capolavoro del maestro della suspense, uno dei film più belli di tutti i tempi. I temi cari a Hitchcock, amore, morte, mistero, raggiungono la massima vetta. In una onirica San Francisco, un detective ex poliziotto affronta il caso di una splendida donna che sembra posseduta dalla personalità di una suicida di un secolo prima. Imprescindibile.

30 SETTEMBRE: IL DITTATORE DELLO STATO LIBERO DI BANANAS (Bananas, 1971) di Woody Allen con Woody Allen, Louise Lasser. Un improbabile, ma non tanto, paese sudamericano offre a un malcapitato turista americano, reduce da una delusione amorosa, la nomina a presidente con pieni poteri per ingraziarsi gli Stati Uniti. Uno dei primi gioielli di comicità, verve irresistibile e satira intelligente del geniale autore che ha rivoluzionato la commedia contemporanea.

7 OTTOBRE: LA SPOSA IN NERO (La mariée était en noir, 1968) di François Truffaut con Jeanne Moreau, Claude Rich. Il celebre noir del grande Truffaut tratto da un altrettanto celebre romanzo di Cornell Woolrich. Una tragica catena di morti ha come protagonista una seducente e misteriosa signora che porta dentro di sé un dolente segreto. Uno dei ritratti femminili più intensi del regista francese “che amava le donne”.

14 OTTOBRE: APOCALYPSE NOW-FINAL CUT (Apocalypse Now, 1979-2019) di Francis Ford Coppola con Marlon Brando, Robert Duvall. Serata evento: esce oggi uno dei film-cult della storia del cinema riproposto nella nuova versione ampliata e restaurata dalla Cineteca di Bologna. Kurtz, colonnello dell’esercito statunitense in Vietnam, ha costituito in Cambogia una sorta di impero personale. Al capitano Willard è affidata la missione di eliminarlo. Liberamente tratto da Cuore di tenebra di Joseph Conrad. Un eccezionale regalo al pubblico del Supercineclub.

21 OTTOBRE: QUARTO POTERE (Citizen Kane, 1941) di Orson Welles con Orson Welles, Joseph Cotten. A soli 25 anni Welles inventa, dirige, produce quello che più volte dai critici è stato definito “il film più bello del mondo”. La storia del giornalista che deve indagare sulla vita del magnate della stampa Kane attraverso le persone che gli sono state più vicine e sul misterioso nome da lui fatto in punto di morte, è diventata una pellicola che per linguaggio, tecnica, capacità introspettiva ha definitivamente cambiato il volto del cinema.

28 OTTOBRE: AMERICAN GRAFFITI (American Graffiti, 1973) di George Lucas con Richard Dreyfuss, Ron Howard, Bo Hopkins, Harrison Ford. La pellicola madre del filone giovanilista con una formidabile colonna sonora anni sessanta. Un film di formazione, che si svolge nel corso di una lunga notte in cui quattro studenti, alla fine del liceo, confronteranno aspirazioni e scelte diverse, e decideranno le loro sorti da adulti. L’America alla vigilia dell’omicidio Kennedy e della tragedia del Vietnam.

4 NOVEMBRE: IL TAGLIAGOLE (Le Boucher, 1969) di Claude Chabrol con Stéphane Audran, Jean Yanne. Un classico del giallo “sociale”, un cult di Chabrol e dell’intera Nouvelle Vague. Un ritratto formidabile della
provincia francese compiuto con una rivisitazione secondo lo spirito hitchcockiano. Una serie di delitti turbano il paese in cui vivono una passionale storia d’amore un macellaio e una maestra. Chabrol rimette in scena l’eterna storia della bella e la bestia in un film avvincente e commovente.

11 NOVEMBRE: BIANCA (1984) di Nanni Moretti con Nanni Moretti, Laura Morante. Dopo aver dissacrato il conformismo del cinema italiano attraverso un linguaggio sorprendente, tagliente e colto, Moretti, con Bianca, entra a pieno titolo tra i nuovi registi più importanti del panorama europeo. La storia di Michele Apicella, insegnante “non abituato alla felicità”, pieno di ossessioni nel controllare la vita dei suoi amici, è in perfetto equilibrio tra giallo, film intimista, satira socio-culturale. Molte scene sono diventate cult.

18 NOVEMBRE: SORRISI DI UNA NOTTE D’ESTATE (Sommarnattens leende, 1955) di Ingmar Bergman con Eva Dahlbeck, Gunnar Bjornstrand. Un capolavoro di umorismo poetico: così Cannes premiò la pellicola del grande regista svedese che in questo film ha stemperato i toni del dramma in commedia senza perdere la forza narrativa, emotiva e lirica dei suoi gioielli cinematografici. Un intreccio di amori, passioni, gelosie, intrighi, dominato come sempre in Bergman dai personaggi femminili.

25 NOVEMBRE: GLI ULTIMI FUOCHI (The Last Tycoon, 1976) di Elia Kazan con Robert De Niro, Tony Curtis, Jeanne Moreau. L’ultimo film diretto dal grande regista pluri-Oscar e autore di pellicole indelebili come Fronte del porto. Tratto dall’omonimo e celebre romanzo di Francis Scott Fitzgerald, è incentrato sul personaggio di Monroe Stahr (nella realtà il tormentato produttore della MGM Irving Thalberg). Un apologo vibrante sul contraddittorio mondo di Hollywood. Impressionante la presenza di star nel cast.

2 DICEMBRE: GIOVENTÙ BRUCIATA (Rebel Without a Cause, 1955) di Nicholas Ray con James Dean, Nathalie Wood. Uno dei film-simbolo dell’intera storia del cinema, la pellicola che ha consacrato il mito “maledetto” di James Dean, da lì a poco vittima di un incidente stradale. Un film con una regia superba, straordinariamente attuale perché antesignano come temi e linguaggio. Un magistrale ritratto della generazione post-bellica, “ribelle senza motivo” apparente, insofferente a regole e convenzioni a costo di “bruciarsi”.

9 DICEMBRE: BUTCH CASSIDY (Butch Cassidy and the Sundance Kid, 1969) di George Roy Hill con Paul Newman, Robert Redford. La più celebre coppia di banditi del grande schermo insieme a Bonnie e Clyde. Due star di Hollywood per un canto del cigno del cinema western. Finita l’epopea delle terre selvagge, incombe la modernità e con lei la scomparsa dei vecchi miti e dei gangster solitari. Un film che coniuga azione e poesia.

16 DICEMBRE: AMARCORD (1973) di Federico Fellini con Bruno Zanin, Pupella Maggio. L’Italia fascista degli anni Trenta nei luoghi dell’adolescenza riminese del nostro grande regista. Un poetico, divertente, struggente ritratto di un’epoca popolato da personaggi indimenticabili e scene memorabili. Un film, diventato un classico imprescindibile, riproposto nello splendore della pellicola restaurata dalla Cineteca di Bologna.

DUE PROIEZIONI: ALLE 18.30 DOPPIATA IN ITALIANO E ALLE 21 IN LINGUA ORIGINALE CON SOTTOTITOLI IN ITALIANO. ALLE 20.30 LA PRESENTAZIONE DEL FILM. BIGLIETTI ANCORA INVARIATI: 4 EURO E 3 EURO PER GLI UNDER 30.

IL PROGRAMMA È SUSCETTIBILE DI VARIAZIONI

Orari:

alle 18:30 (solitamente versione doppiata in italiano)

dalle 20:30 presentazione film e alle 21:00 proiezione in lingua originale con sottotitoli in italiano

 

Info Biglietti